S't vù vivar in aligrì guêrdat'd davanti e no di drì - Se vuoi vivere con serenità guarda avanti e non dietro...

Scuola Digitale

Siete in:Scuola Digitale

La Scuola ha bisogno di tecnologie per migliorare: è sicuro, ecco perché.

TAGS GIOVANNI BIONDI, INDIRE, ANTONIO CALVANI, TECNOLOGIE ICT

scritta nera su sfondo bianco con la cartina della italia

Premetto che il tema dell’inserimento delle tecnologie e dei linguaggi digitali a scuola è di straordinaria importanza e complessità e credo che non possa esaurirsi all’interno di un dibattito dialettico sia pur stimolante tra me ed il professor Calvani. In più i nostri tempi di risposta, la necessità di rimanere entro quantità di battute definite, portano inevitabilmente ad alcune semplificazioni che rischiano di non rendere un buon servizio al lettore. Detto ciò, in attesa di avere un contesto di discussione più adatto, mi permetto di cogliere alcuni spunti e precisare il mio pensiero. Vorrei prima di tutto ricordare ai lettori che siamo in un'”era di mezzo”. La scuola è certamente in una fase di transizione: modelli strumenti, gli stessi studenti sono in rapida evoluzione. Ne consegue che convivono realtà dai profili molto diversi e che, a volte, ci sono rapide fughe in avanti, come pure rallentamenti e soste. E’ normale: l’evoluzione nel suo percorso è al tempo stesso rivoluzione e involuzione.

Visualizza l'infografica nel link in basso...

AGENDADIGITALE.EU - VAI AL SITO

Più Stem per tutte, a Milano maratona contro gender gap scientifico.

TAGS COMUNE DI MILANO, ROBERTA COCCO, DIANA BRACCO, STEMINTHECITY

poster della manifestazione

Non sarà più tempo di Barbie fiori di pesco, con le sue balze di tulle che facevano sognare le bimbe anni '80, ma la Barbie di oggi, anche se fa l'ingegnere informatico, ha comunque bisogno dell'aiuto di colleghi maschi per cavarsela con la tecnologia. D'altronde, a chi rivolgersi se non a un uomo, quando in tv le esperte sono solo il 18%? Nascono così quei pregiudizi che allontanano le giovani donne da studi e professioni scientifiche. Stereotipi che si abbattono anche con iniziative come #STEMintheCity , un mese di incontri, eventi e momenti di formazione e dibattito per le scuole, voluto dal Comune di Milano per spingere la diffusione delle discipline tecnico-scientifiche e delle nuove tecnologie tra i giovani. L'obiettivo dichiarato è abbattere gli stereotipi di genere che allontanano bambine e ragazze dai percorsi tecnico-scientifici, creando le condizioni per avvicinare le giovani alle "carriere STEM" (Science, Technology, Engineering, Math). "Oggi non esistono più lavori da maschi e lavori da femmine" dice convinta l'assessore Roberta Cocco, inaugurando la maratona formativa, questa mattina alla Scala. Eppure, il divario c'è, e forte: "In Lombardia più della metà degli iscritti in università è donna (54%). Invece, tra gli iscritti ai corsi di laurea STEM hard - cita Diana Bracco, presidente di Fondazione Bracco - solo uno studente su 3 è donna (33%)". Non fa bene alle donne, non fa bene a nessuno perché "secondo uno studio dell'European Institute for Gender Equality, colmare il divario di genere nell'istruzione STEM favorirebbe un aumento dell'occupazione nell'UE da 850mila a 1,2 milioni entro il 2050 e contribuirebbe a un aumento del PIL pro capite compreso tra 2,2% e il 3%".

Visualizza l'infografica nel link in basso...

COMUNE DI MILANO - VAI AL SITO

Cantiere Scuola, on line il report 2017.

TAGS POLITECNICO DI MILANO, FORUM PA, UFFICI REGIONALI SCOLASTICI, EPSON, SAMSUNG

copertina del report con scritta bianca e sfondo avion

Dopo il report sui documenti digitali e quello del laboratorio Patrimoni PA net, FPA pubblica il Report 2017 del Cantiere Scuola digitale. Il lavoro del tavolo sulla Scuola digitale è stato coordinato da Paolo Paolini, Professore Ordinario del Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria del Politecnico di Milano, e si è articolato in quattro incontri a porte chiuse, intervallati da momenti di confronto online sulla piattaforma FPA Community, a cui hanno preso parte dirigenti scolastici, docenti e formatori digitali, professori universitari, referenti degli Uffici Scolastici Regionali, dirigenti e funzionari delle strutture regionali responsabili dei progetti relativi alla scuola digitale, rappresentanti della cittadinanza organizzata e delle aziende partner del Cantiere. La discussione si è concentrata su tre tematiche che, a parere dei partecipanti al tavolo, identificano tre nodi centrali e attuali: la formazione degli insegnanti e del personale scolastico, la didattica delle competenze e la governance della scuola.

Visualizza l'infografica nel link in basso...

CANTIERE PA DIGITALE - VAI AL SITO

Pubblicita'/Promozione

Pubblicita'/Promozione